ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO. ME ODIO.

Quién no le teme a la oscuridad, no tiene imaginación …

(Fuente: scapetoinfinity)

Algo me dice que yo te voy a amar por siempre.

(Fuente: autremondeimagination)